Chi siamo

Playing TheGame retrogaming room

Cos’è Playing The Game?

Playing The Game è una piattaforma open source, non profit e indipendente nata per promuovere progetti legati ai videogiochi (iniziative editoriali, eventi, mostre, showcase, workshop, game jam, hackathon ecc.).

Playing The Game crede nella condivisione della conoscenza, favorendo collaborazioni e scambi di esperienze tra persone, sia a livello locale che internazionale, con l’ambizione di diventare una risorsa per quanti si interessano agli aspetti più attuali del videogioco.

Playing The Game accanto ad iniziative ludiche e culturali, approfondisce il videogioco dal punto di vista professionale, creando occasioni di networking e formazione, con evidenti benefici per il sistema economico-sociale.

Perché Playing The Game si definisce una piattaforma “open source”?

Perché, proprio come un software open source, prevede la possibilità di modifica e evoluzione tramite i contributi delle persone interessate a promuovere i propri progetti (videogiochi, laboratori, mostre ecc.).

Come posso promuovere i miei progetti tramite Playing The Game?

Invia una email a playingfestival@gmail.com che descriva brevemente quello che vorresti promuovere e/o realizzare.
L’obiettivo di Playing The Game è quello di mettere a disposizione gratuitamente e a più persone possibili i canali di comunicazione Twitter, Facebook, Youtube, newsletter e il blog www.playing.vg, per favorire la promozione e la crescita di tutte le esperienze indipendenti legate ai videogiochi, dalla fruizione, alla produzione e allo studio.

Playing The Game & Creative Commons

In accordo con gli ideali di condivisione della conoscenza che animano Playing The Game, tutti i contenuti testuali presenti in questo sito web sono diffusi tramite la licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International, una “Free Culture License” che ne consente l’adattamento e la diffusione libera e gratuita.


Playing The Game è stata fondata da Paolo Branca. A Playing The Game contribuiscono o hanno contribuito numerose persone tra le quali Francesco Alinovi, Luca Papale, Lucio Campani e, in modo particolarmente assiduo, Filippo Lorenzin.

Paolo Branca fondatore di Playing The Game

Paolo Branca (Milano, 1981) è il fondatore di Playing The Game e Game Design Week. Da anni realizza performance audio-visuali, video, artwork ed installazioni interattive. I suoi lavori sono stati esposti in mostre come Playlist in Spagna e in Belgio, Italians Do It Better!! alla Biennale di Venezia, Atopic Machinima Film Festival a Parigi e Nam June Paik Summer Festival al Nam June Paik Art Center in Sud Corea.
Autore del libro Super Mario. L’icona Nintendo e i suoi mondi (Apogeo, Gruppo Feltrinelli), delle antologie Textural Videogames: Universi per un’Esperienza Emozionale, Nativi Videoludici e di altre iniziative editoriali, ha partecipato a numerosi festival ed eventi in Italia, Spagna, Belgio, Francia, Turchia e Stati Uniti.

Filippo Lorenzin (Padova, 1989) è curatore artistico di Playing The Game. Ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Venezia e allo IUAV. Critico d’arte contemporanea e curatore indipendente, si interessa principalmente del rapporto tra arte, tecnologia e società, seguendo un percorso in cui confluiscono discipline come l’antropologia, la psicologia e la storia.


Playing The Game coinvolge un vasto numero di sviluppatori di videogiochi, docenti universitari ed artisti; ha ospitato personalità provenienti da Irlanda, Malta, Olanda, Spagna e Svizzera.

Playing The Game ha inoltre stretto legami, partnership e collaborazioni con numerose realtà importanti come: AESVI, Digicult, Digitale Werkplaats’s-Hertogenbosch, D’Ars Magazine, Far East Film Festival, IED Istituto Europeo di Design, IndieVault, Jheronimus Bosch 500, Ludicious – Zurich Game Festival, Multiplayer.it, NABA Nuova Accademia di Belle Arti, POLIMI Game Collective (Politecnico di Milano), PONG – Playlab fOr inNovation in Games (Università degli Studi di Milano), Pro Helvetia – Swiss Arts Council, Santeria Srl, Spazio O’, That’s Contemporary, Todays Festival, Toolkit Festival, Udine3D Forum e tante altre ancora.

A partire dal marzo 2017 Playing The Game è orgogliosamente partner dell’Associazione di promozione sociale Svilupparty – IPID Italian Party of Indie Developers, organizzazione che raggruppa singoli sviluppatori di videogiochi, professionisti e amatori, e che opera a sostegno della valorizzazione delle produzioni delle realtà videoludiche italiane.

Playing The Game e Svilupparty collaborano per il raggiungimento dei seguenti obiettivi condivisi:

  • mantenere una rete di contatti tra singoli sviluppatori, professionisti e amatori, per condividere progetti, conoscenze ed esperienze;
  • valorizzare le produzioni delle realtà videoludiche del nostro paese a livello di volumi e qualità;
  • al sostegno e alla promozione delle rispettive attività.